Marrone

Il colore marrone è uno dei colori dello spettro che l’uomo riesce a vedere. Nell’arcobaleno il marrone è assente perché non è possibile regolare l’intensità della luce solare responsabile dell’arcobaleno stesso.

Il marrone è composto dalla miscela dei tre colori primari (giallo, rosso, blu) in quantità variabili a seconda della tonalità che si vuole dare al colore.

La composizione spettrale di un arancione e di un marrone può benissimo essere la stessa, ed entrambi questi colori possono avere sia uno spettro monocromatico, sia con più di una componente. In entrambi i casi, se diminuiamo la sola intensità della o delle componenti (non variando quindi né la saturazione, né la tinta), l’arancione diventa marrone.

Il nome deriva dal nome delle castagne, che hanno appunto questo colore, ed è per questo un aggettivo indeclinabile, anche se il plurale marroni viene comunemente accettato.